Piscina = casa di lusso: Un dubbio da chiarire!

Quante persone hanno sempre sognato di realizzare una piscina nel giardino della propria casa e si sono fermati di fronte al dubbio di trasformarla in un’abitazione di lusso?

Piscina-casa-lusso
La rinuncia alle agevolazioni fiscali sulla prima casa e variazioni notevoli sul costo delle imposte possono spaventare il cliente meno informato.
Una piscina inferiore agli 80 mq (es. 6×12 m) da sola non classifica la casa di “lusso”.
In Italia la normativa che fornisce le caratteristiche delle abitazioni di lusso è il Decreto n. 1072 del 2 agosto 1969 – Min. Lavori Pubblici. Gli articoli 1÷7 riportano peculiarità che, se possedute singolarmente da una abitazione, la rendono “di lusso”.

In particolare:
Articolo 1 – Le abitazioni realizzate su aree destinate dagli strumenti urbanistici, adottati od approvati, a “ville”, “parco privato” ovvero a costruzioni qualificate dai predetti strumenti come “di lusso”.
Articolo 2 – Le abitazioni realizzate su aree per le quali gli strumenti urbanistici, adottati od approvati, prevedono una destinazione con tipologia edilizia di case unifamiliari e con la specifica prescrizione di lotti non inferiori a 3000 mq, escluse le zone agricole, anche se in esse siano consentite costruzioni residenziali.
Articolo 3 – Le abitazioni facenti parte di fabbricati che abbiano cubatura superiore a 2000 mc e siano realizzati su lotti nei quali la cubatura edificata risulti inferiore a 25 mc v.p.p. per ogni 100 mq. di superficie asservita ai fabbricati.
Articolo 4 – Le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 mq di superficie o campi da tennis con sottofondo drenato di superficie non inferiore a 650 mq.
Articolo 5 – Le case composte di uno o più vani costituenti unico alloggio padronale aventi superficie utile complessiva superiore a mq 200 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine) ed eventi come pertinenza un’area scoperta della superficie di oltre sei volte l’area coperta.
Articolo 6 – Le singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a mq 240 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine).
Articolo 7 – Le abitazioni facenti parte di fabbricati o costituenti fabbricati insistenti su aree comunque destinate all’edilizia residenziale, quando il costo del terreno coperto e di pertinenza supera di una volta e mezzo il costo della sola costruzione.
Articolo 8 – Le case e le singole unità immobiliari che abbiano oltre 4 caratteristiche tra quelle della tabella allegata al decreto (sotto riportata).

SPECIFICAZIONE DELLE CARATTERISTICHE
a) Superficie dell’appartamento: Superficie utile complessiva superiore a mq 160, esclusi dal computo terrazze e balconi, cantine, soffitte, scale e posto macchine.
b) Terrazze a livello coperte /scoperte e balconi: Quando la loro superficie utile complessiva supera mq 65 a servizio di una singola unità immobiliare urbana.
c) Ascensori: Quando vi sia più di un ascensore per ogni scala, ogni ascensore in più conta per una caratteristica se la scala serve meno di 7 piani sopraelevati.
d) Scala di servizio: Quando non sia prescritta da leggi, regolamenti o imposta a necessità di prevenzione di infortuni od incendi.
e) Montacarichi o ascensore di servizio: Quando sono a servizio di meno di 4 piani.
f) Scala principale:
– con pareti rivestite di materiali pregiati per un’altezza superiore a cm 170 di media;
– con pareti rivestite di materiali lavorati in modo pregiato.
g) Altezza libera netta del piano: Superiore a m 3,30 salvo che regolamenti edilizi prevedano altezze minime superiori.
h) Porte di ingresso agli appartamenti da scala interna:
– in legno pregiato o massello e lastronato;
– di legno intagliato, scolpito o intarsiato;
– con decorazioni pregiate sovrapposte od imprese.
i) Infissi interni: Come alle lettere a), b), c) della caratteristica h) anche se tamburati qualora la loro superficie complessiva superi il 50% (cinquanta per cento) della superficie totale.
l) Pavimenti: Eseguiti per una superficie complessiva superiore al 50% (cinquanta per cento) della superficie utile totale dell’appartamento:
– in materiale pregiato;
– con materiali lavorati in modo pregiato.
m) Pareti: Quando per oltre il 30% (trenta per cento) della loro superficie complessiva siano:
– eseguite con materiali e lavori pregiati;
– rivestite di stoffe od altri materiali pregiati.
n) Soffitti: Se a cassettoni decorati oppure decorati con stucchi tirati sul posto o dipinti a mano, escluse le piccole sagome di distacco fra pareti e soffitti.
o) Piscina: Coperta o scoperta, in muratura, quando sia a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.
p) Campo da tennis: Quando sia a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.

Gramaglia Srl, leader nel settore da 35 anni, è a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti: contattateci per ricevere tutte le informazioni necessarie!

Lascia una risposta