Legionella: L’importanza della prevenzione e del controllo

LegionellaChi di voi non ha mai sentito parlare di legionella? Quasi tutti sanno che si tratta di un batterio, ma pochi conoscono veramente quelli che sono i suoi effetti e la facilità con cui si annida in luoghi che frequentiamo quotidianamente; con questa breve nota desideriamo far capire la grande importanza della prevenzione e del controllo in questo campo.

I batteri del genere Legionella sono presenti principalmente nell’acqua, normalmente senza pregiudicarne la potabilità e si trasmettono per via aerea mediante inalazione di piccolissime goccioline durante la respirazione. Le consuete concentrazioni di disinfettante contenute nella rete idrica sono generalmente insufficienti a garantire l’assenza del batterio, il quale è nocivo quando è associato a fattori come temperatura dell’acqua dai 25 ai 45°C all’interno delle tubazioni, presenza di biofilm etc..

Prevenire LegionellaLa Legionella si riscontra con maggiore frequenza e pericolosità negli ambienti collettivi a residenza temporanea, come alberghi, palestre, camping, centri benessere ecc. Oltre che negli impianti di condizionamento e umidificazione, le goccioline di aerosol che si formano, si trovano nei pressi di fontane o cascate artificiali, di vasche per idromassaggio e anche nei vapori dell’acqua calda sanitaria. Gli impianti idrici, quelli per scambio di calore e anche le normali tubazioni sono pertanto il comune ambiente di colonizzazione della Legionella.

In merito all’acqua delle piscine, esistono differenti metodi di disinfezione, di prevenzione e controllo della contaminazione del sistema idrico, tra i quali:

Trattamenti chimici (con cloro nelle svariate formule sia solide che liquide);

Trattamenti fisici (disinfezione con lampade a raggi ultravioletti ed ozono);

Trattamenti meccanici (filtrazione).

A questo riguardo è comunque consentito esclusivamente l’uso di sostanze come disinfettanti, flocculanti e correttori di pH e di altre tecnologie di disinfezione elencate nell’ Accordo Stato-Regioni-Province del 16/01/2003.

Esistono poi le Linee Guida nazionali per la prevenzione ed il controllo della Legionellosi, recepite anche a livello regionale, che indicano differenti metodi di prevenzione e controllo della contaminazione del sistema idrico, anche in riferimento all’acqua sanitaria, di rete e di reintegro:

Trattamento termico (shock termico, mantenimento T = 55÷60°);

Clorazione (iperclorazione shock, iperclorazione continua);

Biossido di cloro;

Lampade a raggi ultravioletti;

Ionizzazione Rame/Argento;

Perossido di Idrogeno e Argento.

Gramaglia, grazie all’esperienza acquisita in trent’anni, è a disposizione per una valutazione del problema in base alle esigenze dell’utente e nel rispetto delle diverse normative vigenti.

Lascia una risposta